Come convertire uno style .sty per Audya.

Pubblicato: febbraio 9, 2010 in Ketron Audya
Tag:, ,


In rete è possibile reperire una grande quantità di styles in formato STY appositamente programmati per le tastiere Yamaha.
Vi siete mai chiesti se esiste un modo o una procedura per poterli caricare in una tastiera Ketron Audya?
La risposta a questa domanda è un “NI” nel senso che è possibile convertirli(o quanto meno adattarli ) in modo da renderli compatibili con Audya ma la procedura non è completamente automatica e necessita di una grande mole di lavoro e di una corposa fase di editing e messa a punto dei parametri.
Non bisogna dimenticare, inoltre, che gli stili sono normalmente finalizzati per dare il meglio di essi su di una particolare tastiera e che portandoli da una macchina ad un’altra si incappa molto spesso in problemi di compatibilità dei suoni, dei settaggi per gli  effetti e la loro nella loro messa a punto globale non è mai semplice ed immediata.

Cosa ci serve.
Per eseguire le operazioni di conversione e codifica dello stile abbiamo bisogno di un sequencer MIDI tipo Cubase, Sonar e qualunque altro in grado di gestire midifile multi traccia e marker. Il software Audya Style Compiler che potete scaricare dal sito della Ketron, uno o più style .STY Yamaha da convertire e una buona dose di pazienza e sangue freddo.

La trasmutazione.
Per prima cosa da fare è quella di modificare il file .STY e rinominarlo in modo da cambiare la sua estensione in .MID.
Gli styles Yamaha in formato .STY hanno una struttura interna compatibile con il formato midifile. Una volta rinominato in .MID, sarà possibile caricare il file in qualunque sequencer software e trattarlo come un comune midifile.

Come rinominare .STY in .MID

Rinominare il file .STY in .MID

L’elaborazione.
Caricate il file rinominato in .MID, in un sequencer tipo Sonar o Cubase.
Notiamo immediatamente la struttura interna del file è quella di un midifle con marker, program change, controlli etc..
Ogni marker corrisponde ad una delle sezioni dello style.

Struttura interna file .STY

Struttura interna file .STY

Notiamo inoltre che il midifile ha un numero cospicuo di tracce;in particolare ne abbiamo una per ogni strumento dell’accompagnamento automatico. Le 16 tracce sono virtualmetne suddivise in due blocchi. Il blocco che va dalla 9 alla 16 è normalmente destinato alle parti di accompagnamento per la tonalità maggiore, mentre le prime 8 sono “variazioni” per la tonalità minore e/o altre tonalità possibili. Per iniziare vi consiglio di concentrarvi sulla tonalità maggiore.
Ascoltate il midifile e di iniziate a selezionare le tracce che andranno a far parte dello style finale.
In questa fase dovete tener presente che al termine del lavoro dovreste ottenre uno style adatto al formato di Audya ovvero composto da tre intro 3, tre ending , 4 fill e 4 break,  ed con un massimo di 8 differenti parti strumentali di cui 2 riservate alle parti rimiche e altre 6 dedicate agli accompagnamenti automatici. Inoltre ogni sezione deve essere programmata su di un particolare canale MIDI

Struttura Style Audya

Struttura Style Audya

Risulta chiaro che se lo stile di partenza dispone di un numero di strumenti per l’accompagnamento maggiore di quello che Audya prevede, si dovrà intervenire di forbice e cesello ed eliminare qualche traccia o modificare il midifile in modo che più strumenti condividano la tessa traccia. Lavorate quindi con il sequencer (a colpi di copia ed incolla) e trasformate il midifle di partenza in uno compatibile con il formato Audya.

Struttura tipica di uno Style per Audya

Al termina del lavoro si dovrà ottenere un midifile che disponga di:

  • un massimo di 8 tracce,
  • con la prima battuta vuota,
  • che contenga solamente controlli di Note On/Off, Bend, Modulation, Sustain, Expression, PanPot, e gli altri elencati nel manuale dello style compiler,
  • non deve contenere note doppie,
  • tutti gli eventi MIDI di una sezione di un marker non debbono invadere la sezione successiva,
  • non deve contenere control change o pitch bend sullo stesso tick di un evento nota on/off
  • non deve in genere contenere due eventi sullo stesso tick.

Nuovi Marker e salviamo il lavoro.
Terminata questa laboriosissima operazione di editing, è necessari cambiare i nomi dei marker.
L’Audya Style Compiler accetta i seguenti nome per i marker che delimitano le sezioni dello stile:

Marker Audya Style
Marker Audya Style

Sarà quindi necessario aprire la finestra di gestione Marker del sequencer e modificare i nomi dei marker che identificano le sezioni.

Rinominare i marker per Audya

Rinominare i marker per Audya

Terminata anche questa operazione, inseriamo un marker sul primo Tick del midifile con il nome AUDYA STYLE 1.0.

Marker identificativo Audya Style 1.0

Il midifile deve avere una risoluzione di 48 step per quarto.
E’ necessario quindi impostare la risoluzione del file su questo valore.

Impostare la risoluzione a 48

Salviamo ora il file in formato 0.

Salvataggio Formato 0

Audya Style Compiler.
Terminata questa laboriosissima operazione di editing, avviate l’Audya Style Compiler ed importate il midifile salvato. Impostate i parametri per le varie sezioni ed effettuate tutte le altre impostazioni del caso e tentate la compilazione dello style. Se la compilazione va a buon fine, potete copiare il file .PAT risultante sulla vostra Audya e testare il vostro style.

Audya Style Compiler

Per maggiori informazioni sul’Audya Style Compiler vi consiglio di leggere il manuale allegato al programma.

Cia a tutti.

About these ads
Commenti
  1. antonino scrive:

    Grazie per il consiglio e per il tempo che hai perduto nello specificare i vari passaggi. Purtroppo come ho detto precedentemente sono un dilettante e non ho dimistichezza con i programmi citati ( tra l’altro non ne ho).
    Spero in futuro girando qua’ e la’ di trovarne parecchi già bell’e pronti come quelli della Yamaha.
    Un cordiale saluto
    Antonino

  2. Tony scrive:

    Ciao.

    O sempre avuto Tastiere Ketron .
    Possiedo da circa 8 mesi una Ketron Audya e devo dire che e fantastica.
    Prurtroppo tante funzioni non le trovo.

    Esempio: Quando edito un suono (piano.brass.ecc.) me lo salva su Tasto ( programm) invece che nel GM voice.

    Come devo fare se voglio inserire I miei suoni editati in un midi file . Piste 1-16?

    Il Tastino Programm quando un midi file suona non funziona.

    Sul Ketron X1 non c´era poblema. I suoni editati li salvava direttamente nella GM voice, e si potevano inserire in qualsiasi traccia Midi.

    Possibile che una Tastiera di 10 Anni fa lo puo fare
    E Audya 76 Che costa un sacco di soldi non lo fa?

    Tante grazie & saluti Tony.

    • Questa è una domanda per il servizio clienti della Ketron.
      Rivolgila a loro e vedi cosa ti consigliano.
      Io di mio dico che se usi Audya per suonare i midifile ed il tuo problema è quello di cambiare l’attacco o il timbro di qualche “suonino” GM……be diciamo che non stai tentando di sfruttare al meglio questo strumento.
      Audya è uno strumento da “suonare” non “da far suonare”.
      Il bello di questa macchina è nella parte arranger e nelle interazioni che puoi ottenere con gli User Audio Drums, con l’Audio Style Modelig, con il Key Tunes con l’Mps etc.. etc..
      I midifile per quanto li vuoi editare, modificare, cambiare suoneranno sempre da midifile.
      Comunque ognuno di noi ha le proprie esigente ed i propri gusti che vanno sempre rispettati.

    • Solo una cosa…
      volevo aggiungere che il tastino program ovviamente non può funzionare all’interno dell’Editor dei suoni dei midifile.
      Un program è composto da più timbri.
      Per cui se fosse possibile inserire dei program in una traccia midifile, significherebbe che ogni traccia dovrebbe suonare più timbri costringendo la macchina ad un dispendioso utilizzo, in termini di polifonia, delle risorse interne.
      Inoltre per esperienza non è detto che un midifile suoni meglio quando lo “farcisci” con suoni molto pieni e ricchi.
      Bisogna ricordare che il più delle volte queste basi sono ancora programmate per il vecchio standard GM ( quello del sound canvas) e a volte andando a modificando i drum set o i suoni delle tracce si altera l’equilibrio sonoro originale che, anche se pur piccolino e misero, risultava essere comunque dignitoso.
      Come avrai capito i midiifle non mi sanno tanto simpatici…. almeno così come sono al giorno d’oggi.

  3. Antonio scrive:

    Ciao, uso da mesi una tastiera audya mi trovo bene, ma non riesco a modificare gli style. Mi piacerebbe cambiare il disegno della batterie o il basso dello stesso style come si fa?. visto che mi fa modificare solo i timbri di uno style

  4. silvio scrive:

    Eg.signor Giorgio, ho appena acquistato una tastiera Audya5 e veramente mi soddisfa molto.
    Purtroppo non riesco a trovare nelle istruzioni come caricare i brani che per il momento ho salvato su floppy disk dalla mia tastiera precedente SD1plus. So che probabilmente devo salvarli sul una chiave USB ma poi sono bloccato. Mi farebbeun grande favore se mi spiegasse quali operazioni devo svolgere. Grazie mille per il suo grandissimo aiuto.
    Cario saluti
    Silvio Giamboni

  5. […] E’ possibile convertire uno stile Yamaha per Audya? Se avete questo dubbio, questo articolo contiene la risposta. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...