Battaglia all’ultimo Drawbar.

Visto che nel post precedente ho descritto il progetto del doppio manuale MIDI in stile Hammond, mi sembra doveroso offrire una panoramica su alcuni cloni VST da abbinare a questo progetto.

Lo stato dell’arte.
Le emulazioni digitali dell’organo Hammond hanno raggiunto negli ultimi anni elevati livelli di qualità e realismo. Esse riproducono il layout tipico di un organo elettromagnetico compresi i tipici controlli, la gestione dell’effetto generato dall’altoparlante Leslie, quelli per attivare e disattivare il vibrato e molte delle altre caratteristiche che hanno reso questo tipo di organo uno degli strumenti musicali più utilizzati nella musica contemporanea, rock e jazz in genere.
Emulare digitalmente questo tipo di strumento non è un’impresa semplice. Per prima cosa un buon clone dovrebbe poter disporre di almeno 92 note di polifonia, ovvero dovebbe essere possibile suonare tutti i tasti dell’organo contemporaneamente. Continua a leggere

Come convertire uno style .sty per Audya.


In rete è possibile reperire una grande quantità di styles in formato STY appositamente programmati per le tastiere Yamaha.
Vi siete mai chiesti se esiste un modo o una procedura per poterli caricare in una tastiera Ketron Audya?
La risposta a questa domanda è un “NI” nel senso che è possibile convertirli(o quanto meno adattarli ) in modo da renderli compatibili con Audya ma la procedura non è completamente automatica e necessita di una grande mole di lavoro e di una corposa fase di editing e messa a punto dei parametri.
Non bisogna dimenticare, inoltre, che gli stili sono normalmente finalizzati per dare il meglio di essi su di una particolare tastiera e che portandoli da una macchina ad un’altra si incappa molto spesso in problemi di compatibilità dei suoni, dei settaggi per gli  effetti e la loro nella loro messa a punto globale non è mai semplice ed immediata.
Continua a leggere

Un nuovo drumset per GM Sampler Player.

Nel post precedente avevo descritto come “catturare” ed archiviare i suoni di un drum set appartenenti ad un espander  utilizzando le funzioni di auto campionamento messe a disposizione dal software Sampler Robot.
Ora vediamo come importare i campioni ottenuti nel virtual GM Sampler Player e come “suonarli” da un sequencer o da una master keyboard esterna.

Importare nuovi campioni nel GM Sampler Player.
Per comodità avviamo la versione sandalone del GM Sampler Player con un doppio click sulla relativa icona. Continua a leggere

Suoni “rubati”

Sample Robot Logo

Avete mai pensato di poter “catturare” le migliori sonorità del vostro strumento preferito ed inserirle in un campionatore virtuale in modo da crearne un perfetto emulo digitale?
Se questa idea vi è passata qualche volta per la mente, leggendo questo articolo scoprirete che oggi tutto questo è possibile è può essere fatto anche da chi non è particolarmente esperto  di campionamento ed audio editing.
Da qualche anno infatti, è disponibile un programma denominaro Sample Rorbot ( http://www.samplerobot.de/english/index.php )  con il quale è possibile campionare, in modo semplice ed  automatico, uno o più timbri ( al limite anche l’intera wavetable ) appartenenti a sintetizzatori e moduli sonori esterni o carpire le migliori sonorità dei tanti strumenti virtuali disponibili sul mercato.

Continua a leggere