Gli strumenti musicale ed i riproduttori più evoluti includono molto spesso la possibilità di gestire e trattare i Maker eventualmente contenuti all’interno delle song mandate in esecuzione.
Grazie a questa possibilità, è possibile saltare da un punto all’altro del brano in tempo reale ed allungare e\o accorciare la durata della canzone in base alle proprie esigenze. Questa caratteristica non è sicuramente di poco conto soprattutto per tutti coloro che eseguono serate da ballo o di animazione in genere.
L’esempio classico è il seguente: supponiamo di essere nel bel mezzo di una serata da ballo, mandiamo in esecuzione un brano, la pista rimane vuota.
Il nostro istinto ci suggerisce che forse abbiamo “toppato” il brano e non ci rimane altra cosa da fare che cambiarlo con uno di genere differente.
Se la nostra macchina non gestisce i Marker o il Fading tra due brani consecutivi, non ci rimane altro che fermare il brano corrente, magari semplicemente sfumando il volume, e mandarne in esecuzione uno nuovo.
Entrambi le operazioni risultano però sgradevoli all’orecchio e si finisce per accentuare in maniera evidente il nostro errore di selezione.
Se la nostra macchina al contrario ha la possibilità di gestire i Marker, è possibile saltare al finale del brano e terminare il brano corrente con naturalezza e senza particolari problemi.
Un’altra situazione tipica potrebbe essere la seguente:  la pista si riempie quando il brano corrente è quasi al termine.
Se la nostra macchina gestisce i Marker potremmo in ogni caso ripetere il ritornello o la strofa del brano corrente e tenere la pista piena per altri minuti prima di cambiare brano.
Le situazioni qui descritte potrebbero sembrare di poco conto per i non addetti ai lavori ma, per chi si trova serata dopo serata a dover affrontare il pubblico e lo deve sempre ed in ogni modo far divertire, sa che queste possibilità possono aiutare la propria performance in modo significativo.

Ovviamente per poter sfruttare tali potenzialità, i brani debbono essere pre-organizzati e “marcati” con appositi eventi affinchè la macchina riconosca esattamente il punto in cui saltare.  I marker in fondo non sono altro che informazioni sulla posizione all’interno di un brano.

Tipico schema di assegnamento dei Marker ad una Song

Se all’interno dei brani mandati in esecuzione sono stati inseriti dei Marker, gli strumenti in grado di gestirli, mostrano i loro nomi e ne consentono la gestione in tempo reale.

Schermata di gestione dei Marker della Ketron Audya

Modalità di Salto.

Esistono diverse modalità di salto da un Marker ad un altro. In particolare tali modalità dipendono dal tipo di song (Midifile o Wave) non che dal software di gestione.

Nel caso di midifile è infatti possibile saltare da un marker ad uno successivo in maniera sincronizzata con  il termine della battuta musicale attuale o con il termine della sezione corrente.

Salto soncronizzato con il termine della Battuta corrente

Slato sincronizzato al termine della battuta corrente

Un’altra possibilità è quella di poter mandare in loop una certa sezione e ripeterla ciclicamente per più volte.

Ripetizione ciclica di una sezione

Un’altra delle possibilità molto interessanti dei marker è quella di poter avviare un brano non dal suo punto di inizio ma da uno dei punti di marker in esso contenuto. In questo modo ad esempio si potrà mandare in esecuzione una brano partendo direttamente dal ritornello o dalla seconda strofa, ecc…

Avvio di un brano da uno specifico Marker

Grazie ai Marker è possibile iniziale un nuovo midifile da un suo punto di marker mentre è in esecuzione un altro midifile. In questo modo sarà possibile ad esempio saltare da un ritornello di un midifle al ritornello di un altro midifile in perfetto sincrono.

Avvio di un midiifle da un suo specifico punto di Marker mentre ne è in esecuzione un altro.

Potrebbe inoltre essere possibile creare e successivamente eseguire una lista dei marker grazie alla quale il brano potrebbe essere riprodotto in un ordine cronologico differente da quello originale.
In altre parole potrebbe essere possibile stabilire a priori la sequenza con cui le varie sezioni di un midifile verranno riprodotte.  Ad esempio potrà essere riprodotto per primo il ritornello, poi la strofa poi l’introduzione poi il finale, poi ancora una altra volta il ritornello, e così via.

Creazione di una listra di riproduzione dei Marker

Queste sono sono solo alcune delle possibilità legate alla gestione dei Marker.
Leggete il manuale utente del vostro strumento per sapere quali di esse vengono implementate al suo interno.

Nel prossimo Post vedremo come inserire i Marker all’interno di Midifile e file Wave.

Ciao.

I marker sono informazioni sulla posizione contenute all’interno del file.

Ad esempio è possibile inserire in un brano una serie di Marker ( o locatori) per contrassegnare l’inizio di una strofa, del ritornello, della finale , ecc..

commenti
  1. Edoardo Rispoli scrive:

    Se non mi ricordo male, questa funzione era presente anche sulla mia vecchia MS5, ma poi non è stata implementata nelle seguenti tastiere.
    Devo dire che è molto utile l’utilizzo dei marker proprio per come hai lo spiegato tu (pista vuota oppure pista che si riempie a fine canzone).
    Credo però che il 70% dei tastieristi che utilizzano le basi, non sia in grado/non abbia voglia di modificare le basi inserendo i marker!

    • No,
      credo che nell’MS5 questa funzione non fosse inclusa.

      La prima implementazione dei Marker su di un lettore/riproduttore Hardware degna ed appositamente studiata per un utilizzo dal vivo,
      io credo di averla vista nel Merish della M-Live.
      Poi sono venuti il MidJay, Il MidiTemp i vari software per PC le tatiere tipo Audya, Tyros, Discover Roland etc etc..

      Se il 70% tastieristi che utilizzano le basi, non siano in grado p non abbia voglia di modificare le loro basi….. io credo che dovrebbero cambiare mestiere.
      Visto che le bassi fanno già il grosso del lavoro, almeno si abbia la pazienza o la decenza di personalizzarsele e\o ottimizzarle secondo le proprie esigenze ed i propriop gusti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...