Strumenti Virtuali per il tuo PC.

Pubblicato: aprile 2, 2015 in Cloni Hammond, Computer Music, Software Musicali
Tag:, , ,

vstimages2In internet sono disponibili molti strumenti virtuali VST gratuiti alcuni dei quali di ottima fattura e dalle prestazioni molto interessanti e che possono essere controllati in tempo reale da una delle tante tastiere controller ad oggi disponibili sul mercato.
Questa grande disponibilità di risorse gratuite consentono di creare ampi setup sonori e permettono di sperimentare a costo quasi zero, complesse e convincenti strutture sonore con le quali divertirsi o magari realizzare delle proprie produzioni musicali.
Sebbene i prodotti commerciali siano ovviamente il più delle volte molto più performanti e funzionali, esistono dei programmi e dei tools “free” di valore comparabile che a volte possono essere utilizzati sia per uso amatoriale che semi-professionale con ottimi risultati.

Tutto quello di cui si ha bisogno è:

  • Un personal computer opportunamente configurato per la produzione in tempo reale dell’audio.
  • Una buona scheda audio.
  • Un setup software ( VST-Instrument e VST Host ) per il caricamento e la gestione dei VST.
  • Una tastiera per il controllo in tempo reale dell’intero setup.

studioVst1

Analizziamo i vari componenti del sistema.

PC e scheda audio.

Il PC è il cuore di questo sistema Informatico Musicale, ad esso è demandato tutto il lavoro di generazione sonora, gestione del software e controllo dei flussi Audio.
Esso deve essere abbastanza performante anche se non è necessario disporre di un super computer.
La maggiore attenzione va orientata alla scelta di una buona scheda audio; un scheda audio di qualità permetterà l’abbattimento significativo dei tempi di latenza ovvero del fastidioso tempo che intercorre tra la pressione di un tasto sulla tastiera e l’effettivo istante di generazione del suono della relativa nota.
Qualora non si disponesse di una scheda altamente performante è possibile aggirare l’ostacolo grazie ad appositi driver.

Driver ASIO.
I driver sono una parte molto importante del setup del musicista elettronico.
Ti consigliamo di installare dei driver ASIO a bassa latenza in modo tale da poter generare il suono con una bassa latenza.
Se non disponi di una scheda audio dedicata ti consigliamo di installare i driver ASIO 4 All che puoi scaricare da questo link:
http://www.asio4all.com/

Per utilizzare ASIO4ALL, bisogna configurare correttamente il software audio.asio

Il modo in cui farlo dipende dal software in sé.
Genericamente, bisogna trovare la voce di menu che permette di selezionare la
configurazione audio e selezionare ASIO -> ASIO4ALL v2.

Una volta fatto questo, dovrebbe essereci un pulsante che permette di avviare il Pannello di controllo ASIO.

Anche il nome di questo pulsante dipende dal software.
Una volta premuto il pulsante, il Pannello di controllo di ASIO4ALL apparirà.
Solitamente il parametro più importante da configurare è la dimensione del buffer di uscita.
Utilizzare lo slider per configurare la dimensione del buffer ASIO per la periferica attualmente selezionata. Più il buffer è piccolo, più la latenza è breve.
Quando si sentono dei click o l’audio diventa distorto, bisogna incrementare la dimensione del buffer. La dimensione del buffer ASIO è direttamente proporzionale alla latenza audio.
Per cui, è bene sempre dimensionare questo valore in modo tale che sia il più piccolo possibile.

asioconfig

L’HOST VST.

L’ost VST è il software che ti permette di utilizzare i plugins VST e di utilizzare i virtual instrument all’interno del tuo PC.
In pratica si tratta di un software in grado di ospitare al suo interno altri software ( i Vst-instrument) che eseguiranno il compito di generazione sonora vero e proprio.
Anche in questo caso ne esistono sia di gratuiti che a pagamento.
Tra i gratuiti consiglierei HOSTVST che potete scaricare da questo link:
http://www.hermannseib.com/english/vsthost.htm

vstHost

Il programma viene fornito in un file Zip che una volta scaricato va scompattato in una directory qualsiasi del vostro PC.
Per avviare il programma basta fare doppio click sul file VSTHOST.EXE.

vstHost1

Come potete caricare il vostro VST-Instrument nell’Host?

Nella maggioranza  dei casi, un VST-Instrument è costituito da un file DLL che rappresenta il cuore del programma e che deve essere caricato in un Host per poter essere utilizzato.
Una volta scaricato il Vst-Instruments desiderato, avviamo il VST Host con un doppio click sulla sua icona.
Clicchiamo sul menu FileNew PlugIn

 

vstHost2

Vedremo comparire un piccolo blocchetto, cliccate sul potenziometro nella barra in alto per visualizzare l’interfaccia grafica.

vstHost3

Il plugin è operativo.

Con buona probabilità se suonate delle note midi dalla vostra tastiera controller collegata al PC, probabilmente riuscirete già a sentire le prime note, in caso contrario probabilmente dovrete settare le porte di ingresso MIDI per il vostro VST.
Dal Menu DEVICE selezionate la voce MIDI.
Nella finestra che si apre, dalla sezione MIDI Input device, selezionate la porta MIDI del vostro controller.

Una volta installato il sistema siete pronti per sperimentare le varie sonorità messe a disposizione dai vari produttori.
Io vi consigliere di andare per genere.

Vito che personalmente sono un nostalgico delle sonorità di Organo elettrico ed elettro-magnetico, solitamente cerco software in grado di emularne il suono in maniera convincente.
Tra i diversi gratuiti che potete trovare in rete vi segnalo:

Organized Trio

organizertrio
Questo plugin riproduce un buon suono stile Hammond particolarmente adatto ad un sound rock ed aggressivo. L’interfaccia e’ tipica delle tastiere virtuali ma presenta tutti i tipici controlli di un vero organo elettromagnetico. Ad esempio per il manuale upper è possibile utilizzare la tipica percussione degli Hammond che può essere impostata sulla seconda o sulla terza armonica, con un decay che può essere breve o lungo.
Tutti i controlli del VSTi sono automatizzabili e rispondono ai messaggi MIDI.
La polifonia totale non è un granchè (8 voci per ognuno dei 2 manuali e 2 voci per la pedaliera  bassi) ma può esser comunque sufficiente nella maggior parte dei casi.
Il programma è Freeware e può essere scaricato insieme ad una serie di altri plugin freeware dal seguente link: download

AZR-3

azr3

VST di emulazione organo ben organizzato e ben funzionante. Dispone di ampie possibilità di intervento sulle forme d’onda e consente la riproduzione di sonorità come quelle del glorioso Farfisa o del Vox oltre che quella del classico Hammond.
L’emulazione del rotary non è delle più riuscite ma “a caval donato non si guarda in bocca”.
Il programma e freeware e può essere scaricato dal seguente Link : download

Altri Vst-instruments per Organo

Molti altri VST sia di organo ma anche di altro genere (Synth, Drum etc..) possono essere trovati sul sito http://www.kvraudio.com/ .
Dalla pagina principale di questo sito è possibile effettuare delle ricerche mirate e scovare il VST che si desidera.
Tra quelli orientati alla generazione delle sonorità di organo segnaliamo:

B8 Organ

b8per scaricare il file : download
Organ One

onePer scaricare il file : download

DSK B3x

dskPer scaricare il file : download

 

NuBi LE

nubilePer scaricare il file : download

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...