Internet delle Cose: idee ed esempi.

Lightbulb-0add8b56e2c9c54fce60e57a28f991c4E già da molto tempo che nel mondo dei sistemi embedded e del software ad esso relativo si parla di Iot ovvero di “Internet of things” che tradotto in italiano sarebbe: “Internet degli oggetti”.
Quanti di voi conoscono il significato di questo termine e soprattutto, quanti di voi possiede un oggetto di questo tipo?
Forse resterete sorpresi ma, secondo il report “The Internet of Things: The Future of Consumer Adoption ” sembrerebbe che almeno il 30% dei consumatori possegga già un dispositivo che rientra in questa categoria, ma il più delle volte non ne è consapevole.

Ma cosa sono gli oggetti IoT e cosa fanno?

Con il termine Internet of things si indica l’insieme delle tecnologie e degli oggetti, anche senza alcuna vocazione digitale, con possono essere connessi alla rete internet.
In altre parole, si tratta di tutti gli oggetti tecnologici in grado connettersi ad internet e dialogare con un server; rientrano in questa categoria le TV smart, i termostati intelligenti della vostra casa, gli orologi e bracciali indossabili (oggetti “wearable”) , i Google Glass o perchè no, anche il vostro ultimo strumento musicale digitale che avete da poco acquistato.

In effetti molti dei dispositivi elettronici che possedete ( anche i vostri elettrodomestici, o la vostra nuova centralina d’allarme), potrebbero avere le capacità di collegarsi ad internet, anche se in alcuni casi, queste funzionalità, non sono troppo evidenti o magari non vengono proprio utilizzate..

Il report di Acquity Group ha infatti rilevato una certa mancanza di interesse verso i dispositivi IoT, sia da parte degli utilizzatori che da parte dei produttori.
La domanda sorge spontanea: ma perchè se un dispositivo ha internamente le potenzialità per connettersi, per dialogare con un server, per essere controllato da un browser, l’azienda che lo produce non dovrebbe sfruttare a pieno questa possibilità e perchè gli utenti non dovrebbero trovare queste funzionalità “attraenti” o motivarne maggiormente il suo acquisto?

Continua a leggere