“AI” e processori intelligenti.

Le modalità di progettazione dei dispositivi embedded e apparecchiature per l’IOT ha visto negli ultimi anni una profonda e radicale rivoluzione dovuta principalmente alla comparsa sul mercato di una serie di fenomenali moduli “Smart” che hanno permesso la progettazione e la successiva realizzazione di apparecchiature estremamente complesse, in modo relativamente semplice ed immediato.
Utilizzando questi nuovi dispositivi, è possibile progettare e realizzare un proprio smartphone, un tablet o un computer industriale provvisto di ampio display grafico, interfaccia SD card, fotocamera, USB, WiFi, connessione LTE e tanto altro, in modo veloce e ad un costo relativamente contenuto.
Android è il sistema operatovo di riferimento, ma esistono anche implementazioni e moduli che consentono di lavorare con Linux o altri sistemi operativi evoluti.

La progettazione classica, quella che prevedeva di partire dalla scelta della CPU, la selezione delle periferiche per le connessioni e comunicazione a corto e a lungo raggio per poi passere alla selezione ed integrazione delle interfacce e porte esterne, sembra essere oramai soppiantata dall’arrivo di questi nuovi moduli integrati in cui tutto è già compreso e funzionante.

Continua a leggere

Scrivere App per Android Studio con Codice Java e C/C++ .

Lo sviluppo di applicazioni per il sistema operativo Android ha acquistato negli ultimi anni grande importanza a seguito della diffusione di tablet, telefoni e dispositivi che adottano questo sistema operativo creato da Google.
Tra i principali fattori che a mio avviso hanno favorito questa forte espansione ci sono sicuramente:

  • Il costo, non ci sono licenze da pagare.
  • La disponibilità dei codici sorgenti e la possibilità di analizzare, studiare e/o modificare ogni singola riga di codice su cui è costruito il sistema operativo.
  • Il mantenimento continuo del sistema operativo viene costantemente sviluppato da centinaia di programmatori e aziende che lo tengono aggiornato e lo arricchiscono di funzionalità.
  • La sicurezza elevata del sistema; Android è molto attento alle policy sulla sicurezza e all’accessibilità delle risorse.
  • L’affidabilità del sistema il quale è molto ben pensato e strutturato e permette sempre il recovery, il ripristino, il riavvio etc…
  • La disponibilità gratuita dei tools per lo sviluppo di applicazioni e programmi.

Per sviluppare un’applicazione Android infatti servono poche cose:
Continua a leggere

Android Open Source Project quanto basta.

android

Android è il sistema operativo sviluppato da Google che negli ultimi anni si è diffuso su milioni di device e dispositivi elettronici probabilmente grazie alle sue indiscusse ottime funzionalità ma anche alla sua natura di progetto Open Sources.

Quando si parla di progetto Open Source si pensa sempre ad un progetto aperto, di cui si conosce ogni aspetto o in cui ogni modifica e ogni cambio di direzione sia stato condiviso e discusso da una comunità di sviluppo secondo lo schema classico e già collaudato da anni dagli sviluppatori di Linux o di uno dei tanti altri progetti Open relativi al mondo dell’ IT.

Android però differisce in molte parti da questo “schema classico di sviluppo” sia per le modalità di creazione ( Android è ed è stato sviluppato a porte chiuse dal team di Google che poi successivamente ha rilasciato e rilascia il lavoro svolto sotto forma di sorgente) sia per il modello interno dei componenti software e delle funzionalità e delle loro relative licenze di utilizzo.

Quando si legge la documentazione relativa ad Android compare sempre l’acronimo AOSP il quale stà ad indicare l’insieme del Progetto Open Source, che Google ha creato nel mettere insieme il sistema operativo Android.
Ma con quale licenza d’uso vengono rilasciati i componenti dell’AOSP e quali sono i componenti principali di Android?

Nelle righe seguente cercherò di spiegare questa complessa questione, almeno per quanto ne sono riuscito a capire io,  nella speranza di poter fare un po di chiarezza su questa spinosa materia.
Qualora nel corso della lettura rilevate delle inesattezze o delle mancanze, siete veramente pregati di segnalarmelo.

Nota per gli utilizzatori “quotidiani” di Android: la lettura di questo articolo non vi aiuterà a far funzionare meglio il vostro telefonino, al massimo può risultare interessante per gli smanettoni e per coloro che si occupano di adattare Android per i propri prodotti embedded.
Lettore avvisato, mezzo salvato!

Continua a leggere